MERCATO: il segno “+” resta agli estremi

Di nuovo bene i furgoni, ancora spinti dagli incentivi, e i pesanti, le due categorie che fanno più volumi. E nel primo caso, l’elettrico conquista la quota dell’1%.

Ad aprile il paragone più attendibile è ancora quello con il 2019, ed è positivo per la metà delle sottocategorie del mercato commerciali, quelle che comunque fanno in assoluto i numeri maggiori. Stando ai dati diffusi da Unrae, infatti, continua il calo nelle due fasce tra 3,5 e 16 tonnellate, con perdite nell’ordine di poche decine di veicoli, mentre i furgoni e i camion seguitano a crescere sempre per ragioni diverse (onda lunga degli incentivi di febbraio i primi, riassestamento del mercato dopo le frenate del 2020), dando però un’impronta di ripresa a tutto il settore. Nel caso dei furgoni, che hanno chiuso aprile 2021 con un 9% abbondante di crescita, anche il dato complessivo del quadrimestre è positivo, anche se con una forbice più misurata, appena il 2,1 % con circa 63.000 immatricolazioni (il dato esatto è da confermare) contro 61.683. L’analisi dei dati vede un lieve recupero dei privati, cresciuti dell’1.7% e con una quota di mercato del 235, e conferma l’andamento positivo del settore noleggio a breve termine, salito poco sopra il 5% così come, tra le alimentazioni, l’ibrido, che guadagna terreno a dispetto della benzina mentre l’elettrico puro ha finalmente raggiunto l’1% del mercato.

 

Le immatricolazioni ad aprile

                                                            Aprile 2021     Aprile 2019        differenza %

Commerciali leggeri                              17.000              15.562                +9,2 %

Autocarri                                                 2.425                2.380                +1,9%

Per categoria

  • da 3,5 a 6t                                               75                  118                   -36,4%
  • da 6 a 16t                                               280                305                     -8,2%
  • oltre 16t                                               2.080              1.957                   +5,8%